Il sogno

Ho fatto un sogno..... Come tutti i giorni per andare a lavoro scendo in metropolitana, entro nella carrozza, posti a sedere niente, mi attacco ad uno di quei pali centrali messi li appositamente per non perdere l'equilibrio.

 Si parte, raggiungiamo la prima fermata, ma non ricordavo ci fosse questa fermata, ed ecco che entrano uno, due, tre,......12 uomini ben distinti, tutti in giacca, cravatta, valigetta ed occhiali scuri,

 si guardano intorno, qualche secondo, un cenno fra di loro ed ecco che si avvicinano, mi circondano, intanto la metro riparte. Sono praticamente circondata da cravatte, all'inizio non ci faccio caso, pian piano mi sento sempre più stretta, fino a sentire il contatto fisico.

 Una mano mi sfiora i glutei, poi una seconda volta, diventa un palpeggio, cerco giusto di spostare la mano e ne sento un'altra, poi ancora una. Mi toccano, sempre con più vigore, una mano scende per poi risalire lentamente portandosi su la gonna. 

Provo a fermarla ma la mia mano è sola contro le altre. Non so perché non sono impaurita anche se cerco di fermarli. Con una mano mi tengo al palo e con l'altra tento inutilmente di rimettere la gonna a posto. Ancora palpeggi, questa volta cominciano con il mio seno, decido di lasciar stare la gonna e cerco di tenermi abbottonata la camicia. 

Ed è un via libera la sotto; le mani si infilano nei collant, negli slip. Sento due dita toccare il mio clitoride, giocarci, comincio a avvertire brividi lungo il corpo, tento di tenere le gambe chiuse ma non ci riesco, anche la camicia non regge, lentamente un bottone, poi un altro. Sono bagnatissima, mi ritrovo con entrambe le mani attaccate al palo per cercare di non cadere, camicia aperta reggiseno spostato, calze e slip abbassate al ginocchio e tante dite che, prima una poi l'altra continuano a masturbarmi, il tutto senza che nessuno degli altri pendolari riesca a vedermi.

 Ecco che uno di loro apre la sua valigetta e tira fuori un vibro, me lo passa lungo il corpo, tra le gambe, prova ad infilarmelo, entra molto facilmente, sono fradicia li sotto. Comincio a gemere, provo a non farlo ma non ci riesco, quel vibratore mi sta facendo impazzire. Tre di loro mi prendono di peso mi alzano le gambe, ancora semichiuse per via delle calze a metà gamba, e mentre due si divertono a farmi impazzire con il vibratore altri si disfano delle mie scarpe calze e slip annessi. Possono spalancarmi le gambe ora. Godo, godo tantissimo, continuano a reggermi e mentre lentamente mi abbassano con il volto raggiungo la patta di uno di loro con il pene già in tiro e pronto per la mia bocca. Fingo di non farci caso ma con la sua cappella mi sfiora le labbra, provando a spingere dentro ed approfittando di un gemito di piacere, si infila nella mia bocca. Con quel membro che continua ad entrare ed uscire dalla mia bocca mi poggiano a terra, il vibratore scompare alla mia vista, ed appaiono tanti altri cazzi, ma questa volta sono veri, ecco il primo che si porta tra le mie gambe infilandosi nella vagina, prendono le mie mani e li attaccano ai loro membri tutti duri e pronti a godere e farmi godere. Ecco che mi riprendono, c'è uno sdraiato a terra pronto per me. Mi siedo su di lui e comincia a scoparmi. Bocca lingua e mani giocano a passarsi membri duri come roccia. Finchè prendono di mira l'ultimo pertugio rimasto libero, sento da dietro allargarmi le natiche ed avvicinarsi un pene che comincia lentamente a premere li dietro e pian piano ad aprirmi. Con un gioco tra dita e saliva quel cazzo entra dolcemente tutto in fondo fino a sentire il bacino sbattere sul mio culo. Sto godendo, non resisto, cominciano a non reggere neanche loro e man mano li sento venirmi in faccia, in bocca, addosso, dentro di me...... Li faccio godere tutti, la mia vagina, il mio culo, la mia bocca mi fanno raggiungere l'orgasmo più volte. Mi ritrovo a terra seminuda e senza forze, provo a cercare le mie cose, le mie calze, le scarpe, ma non le trovo, non vedo neanche più la gente, mi guardo intorno, sono sola nel vagone, non è più un vagone...... mi sveglio di soprassalto...... Ah era un sogno..... Sola a letto, tutta sudata, avvicino la mano tra le gambe, è tutto bagnato li sotto, sono eccitata comincio a sfiorarmi ho voglia di toccarmi, quel sogno mi ha proprio fatto venire una gran voglia di...... Mi diverto un po', una bella doccia ed è il momento di andare veramente a lavoro. Scale, metro, vagone, entro...... ci sono posti a sedere,

 ma..... chi sono quelli? 1, 2, 3, 4, 5, ....., 12 ..... che faccio mi siedo? C'è quel palo li dove poggiarmi, magari i posti a sedere li lascio ad altri............