Il Bagnino

Mi hai portata in vacanza lo ammetto, il villaggio è bellissimo, si mangia tanto e bene, la piscina è spettacolare, magari chiedo troppo ma vorrei pure divertirmi un po' con te. Sono tre giorni che siam qui, non ti sei fatto un bagno come si deve, in piscina un po' ci sei stato ma in spiaggia niente, sempre sotto l'ombrellone con quel quotidiano che probabilmente hai imparato a memoria per quante volte lo hai letto. Eppure sai che a me piace stare in acqua, ci vivrei. Da questa mattina non so quante volte sono entrata in acqua, tu al massimo sul bagnasciuga con l'acqua non oltre le ginocchia, ho anche messo il costume che piace a te, un "brasiliano" sotto con i miei glutei in bella vista ed un reggiseno semplice ma che in acqua fa i capricci scoprendo spesso quello che c'è dentro. Certo a quanto pare il costume non piace solo a te visto che ogni qualvolta entro in acqua la riva si riempie di uomini, ma soprattutto c'è quel bagnino che approfitta per scendere dalla sua postazione e stranamente si fa un bagno nelle mie vicinanze. La cosa non mi dispiace anzi, il bagnino è uno dei motivi per cui preferisco la spiaggia alla piscina. Fisico perfetto, pettorali sempre in piedi, addominali tutti in bella mostra, sarà alto si e no uno e novanta e poi quella carnagione nera, sembra di ebano vorrei tanto toccarla e sentirla dura tra le mie mani, e per completare ha un culo che farebbe invidia a parecchie ragazze qui.

La giornata volge al termine, la spiaggia comincia a svuotarsi, anche Claudio borbotta un po', vuole tornare in camera. Io ho ancora voglia di un bagno, l'ultimo prima dell'imbrunire, il mare si è completamente calmato mi sta invitando ad entrare in acqua. Mio marito inizia a prendere borse ed aggeggi, lo avviso del mio ultimo bagno lui torna lentamente in stanza. Entro in acqua, è calda, il sole quasi al tramonto,

comincio a nuotare un po' verso il largo, mi giro, la spiaggia è oramai vuota, in acqua ci sono solo io.... anzi no qualcuno è entrato.... si avvicina.... ah ecco è quel "Bronzo" del bagnino.... "Signora mi scusi devo chiederle di tornare, è quasi buio e diventa pericoloso". "Si un ultimo bagno, volevo approfittare di questo fantastico mare calmo". Ci avviciniamo alla riva, "Posso sapere il tuo nome?" "Certo signora mi chiamo Ramon". "Ascolta Ramon volevo imparare a galleggiare sul filo dell'acqua, mi riesce poco, dopo qualche secondo vado giù" Lui si avvicina, io provo a galleggiare a pelo d'acqua, Ramon mette le mani sotto di me per reggermi nel caso andassi giù, sento che mi sfiora un po'. Mi diverto ad abbassare i miei glutei sott'acqua, sento la sua mano sempre più toccare il mio culo, mi piace, il suo imbarazzo lentamente si trasformo in piacere, il suo sfiorare diventa palpeggio. Siamo ormai soli a qualche metro dalla riva quasi al buio e lontani da occhi indiscreti. Ho Ramon addosso, con la mano mi tocca con gli occhi mi spoglia. Nel leggero movimento delle onde la mia mano si avvicina ai suoi boxer, li sfiora, li tocca, è vivo li sotto il desiderio di me. Ecco che la sua mano sotto si infila lentamente tra le gambe, nei miei slip l'altra mano dietro la mia schiena con un movimento esperto mi slaccia il costume che galleggia via. I suoi occhi sui miei seni, la sua mano nelle mie mutandine gioca con il mio clitoride, la mia mano si tiene a quel regalo della natura che si ritrova nei boxer.

E' duro, è grosso, è mio..... Mi rialzo, lo abbraccio, la pelle è dura, senza un filo di grasso, qualsiasi parte del corpo tocco è un brivido addosso. Mi afferra, di peso mi porta fuori dall'acqua, mi posa lentamente sul primo lettino incontrato per strada, mi toglie gli slip, apro le gambe piedi saldi sulla sabbia, sollevo leggermente il bacino e lui si infila con la sua testa.... "hmmmm" quella lingua ci sa fare, allargo le cosce e lui affonda i colpi con le sue mani ferme sui miei glutei si spinge dentro e gioca, gioca, gioca in un lago di piacere. Le mie mani spingono la sua testa fra le cosce poi circumnavigano sul mio corpo soffermandosi sui miei capezzoli, me li stringo, li torturo di piacere. Si rialza, via i boxer, è pronto per me, il mio tunnel di piacere è pronto per essere perforato. Eccolo è enorme finalmente mi penetra. Lo sento tutto, arriva fino in fondo. Mi stringo a lui, ogni suo colpo è un piacere immenso, provo a non urlare abbracciandolo sempre più forte. E' bellissimo toccarlo, scrutare ogni centimetro delle sue spalle, i miei polpastrelli godono nel sentire quella pelle dura, forte, maschia.

D'improvviso si sposta, mi fa alzare, mi gira, con forza mi piega in avanti, mi allarga le natiche e lo infila con decisione. Mi sento sottomessa e mi piace tantissimo, lui accentua il colpo, la sua mano mi prende dalla nuca, aggrappandosi ai miei capelli e comincia a tirare spingendo ancora di più con il suo bacino. Io alzo la testa fissando il vuoto e sento tutti i suoi colpi come brividi di piacere. I miei seni ballano, la sua mano si diverte a fermarli ma invano. Non ce la faccio più comincio ad urlare di piacere, due dita si infilano nella mia bocca provando a strozzare le mie urla e quando sono completamente sua Ramon raggiunge l'orgasmo usando la mia schiena per la sua diga di sperma. Respiriamo entrambi affannosamente come se avessimo appena concluso una corsa sfrenata, ma siamo fermi, io ancora con la testa verso il cielo e lui con la mano ferma fra i miei capelli. Lentamente molla la presa, mi rialzo, la diga diventa cascata, provo a cercare i due pezzi del mio costume, non è facile, oramai è completamente buio. Mi rimetto il costume, entro in acqua per eliminare ogni prova di quella magnifica serata, mi asciugo, prendo le mie cose e comincio ad andar via. Ramon è ancora li, è così forte, si rimette i boxer, è già pronto per la sua serata, sembra compiaciuto ma visibilmente imbarazzato. Mi avvicino a lui: "Grazie Ramon per avermi insegnato a restare a galla". "E' stato un piacere signora, se vuole domani le insegno qualche stile di nuoto". "Con molto piacere....." Torno in stanza, apro la porta, c'è Claudio ancora intento a leggere quel giornale, mi guarda: "Com'è andato l'ultimo bagno della giornata?" "Fare il bagno all'imbrunire ti da sensazioni uniche caro" "Sono contenta per te." Vado in bagno, mi infilo nella doccia, apro l'acqua, alzo lo sguardo e, mentre l'acqua mi avvolge. comincio a fissare il vuoto.