Il muro portante

Avere dei vicini che fanno lavori in casa non ha poi tutti questi svantaggi. Abito all'ultimo piano di una palazzina di 4 piani. Siamo a fine giugno e gli inquilini al nostro fianco stanno approfittando delle belle giornate per fare dei lavori di ristrutturazione. Considerate che fra noi ed i nostri vicini i balconi sono praticamente comuni, divisi da una piccola inferriata facilmente scavalcabile.

 Era come avere i muratori in casa. Rumori, sporcizia, disordine, per non parlare della polvere... solo che non so come mai non riuscivo ad essere arrabbiata. Effettivamente un motivo c'era, quel trio di muratori a me non passavano inosservati. Con il caldo di questi giorni, vederli a lavoro a petto nudo con solo quei pantaloncini e con tutti i muscoli fuori era un bel vedere.

 Alzarsi al mattino, nonostante quei rumori, mi piaceva. Uscire dal balcone ed osservarli mentre muovevano tutti quei muscoli, era diventato una priorità ancor prima della colazione, per me sacra fino a qualche giorno fa. Io poi non ero da meno, cercavo, nel mio fingere indifferenza di farmi notare e praticamente tutte le mattine uscivo dal balcone piuttosto leggera, con mutandine e reggiseno coperte da una maglietta bianca di cotone a mezze maniche ma piuttosto lunga fino a mezza coscia. Non mostravo granché se non le mie cosce sode e scure almeno finchè non facevo io qualcosa per mostrare. Siccome io sono un po' "Stronza" capitava spesso che, nel pulire il balcone o nello stendere le robe capitava sempre che qualcosa cadeva ed ero "costretta" a chinarmi dando loro le spalle, per raccogliere quello che cadeva. Mi piaceva sentire i loro sguardi diretti verso i miei glutei, fermarsi un attimo e godersi il panorama, mi piaceva carpire la loro complicità mente si guardavano sorridenti come se già sapevano che prima o poi qualcosa dovevo fargliela vedere. Il loro capo era sempre un po' più serio, almeno all'apparenza. Difficilmente riuscivo a fargli distogliere lo sguardo dal suo lavoro. Era sempre concentrato sulle sue cose.

Però era il più fusto di tutti e tre. Carnagione ultra abbronzata, spalle larghe, braccia possenti, cosce rocciose, un culo bello sodo e due mani forti. Quanto mi sarebbe piaciuto essere nelle sue mani. Una mattina ho voluto esagerare: mi sveglio sempre al rumore dei loro attrezzi. Vado in bagno, mi lavo, ed al posto della solita maglietta mi infilo una canotta senza reggiseno con un perizoma da mare sotto. Esco dal balcone... loro sono li che attendevano la mia uscita. Attimo di silenzio, non si aspettavano questa nuova mise. La mia terza abbondante che fuoriusciva dalla canotta non poteva lasciare indifferenti. Anche il grande capo, uscito sul balcone per puro caso non resiste allo scenario. Si ferma per qualche secondo, mi guarda, poi riprende le sue cose..  

Finalmente avevo catturato la sua attenzione, ero soddisfatta di me stessa. Ora volevo vedere se riuscivo ad ottenere qualcosa di più di quell'attimo rubato. Rientro in casa prendo scopa e paletta per pulire la polvere che, come ogni giorno si formava sul balcone, comincio a scopare, mi giro spalle a loro e già si godevano il panorama visto che la canotta non era molo lunga, a malapena nascondeva i miei glutei. Appena sento uscire il loro capo lascio cadere la paletta e mi chino a prenderla..... beh immaginerete che ad uno spettacolo simile e con un bel corpicino come il mio nessuno poteva non osservare in maniera disinteressata. Qualche secondo, mi rialzo e rientro in casa. Soddisfatta di me stessa vado a fare colazione. Ero li con le mie fette biscottate e sento una voce chiamare. Cercano me, esco sul balcone, "Mi scusi ho bisogno di vedere se il muro che stiamo toccando ha una colonna portante all'interno, ed ho bisogno di entrare in casa sua se posso perché il muro è confinante con il suo". Era il grande capo, e mi stava chiedendo di venire da me.... impossibile dirgli di no, non vedevo l'ora.... "Ma certo ora le vado ad aprire la porta"..... Non finisco la frase, con un balzo supera l'inferriata e passa sul mio balcone... "Faccio prima da qui"..... Un brivido mi attraversa la schiena, quell'immagine in cui salta con audacia quelle sbarre mi fa eccitare non poco. Entra in casa, mi chiede una scaletta, vado nello sgabuzzino, prendo la mia piccola scaletta, sempre utile per le faccende di casa glie la passo. Sale due gradini, mi chiede di tenere ferma la scaletta, io mi avvicino e con le mani afferro la scala. Lo guardavo mentre misurava e controllava chissà cosa. Avevo il suo ombelico a pochi centimetri dalla mia faccia ed una voglia matta di toccarlo tutto. Mi guarda, per un attimo fissa la mia scollatura, da lassù la visione era particolarmente intrigante, poi, sale un ultimo gradino e mi ritrovo la sua patta li, in direzione della mia bocca. Era piuttosto evidente la sua eccitazione, non mi ero resa conto che l'avessi fatto così eccitare. Ed ecco che un movimento sbagliato gli fa perdere l'equilibrio, era la mia occasione, dovevo aiutarlo, con una mano lascio la scala e la poggio sulla sua patta per tenerlo in equilibrio. Lui si ferma, mi guarda, io resto immobile, con la mia mano che sente quanto è duro il suo pene, e non riesco a toglierla da li. Ancora qualche secondo, comincio a muovere le dita, a massaggiare a premere a stringere.

 Diventa di pietra come i suoi addominali, scende dalla scala, mi guarda negli occhi. Io sono ferma, immobile, ostaggio in casa mia. Con le sue braccia mi prende di peso, "Dov'è la camera da letto?" Come fossi un semplice pezzo di muro mi porta in camera da letto, mi lancia sul letto, si toglie quell'unico indumento, si china, mi toglie il perizoma, mi apre le gambe e ci infila la lingua nel mezzo. Io subisco inerte tutto quello che vuole farmi, indifesa e con una grande voglia di essere scopata da quell'uomo. Dopo aver giocato splendidamente con il mio clitoride, si alza, mi sfila la canotta, poggia le ginocchia sul letto, mi fa stendere, mi allarga le cosce, con le sue forti mani mi alza un po' i glutei e di forza infila il suo pene nella mia vagina. Le sue mani cominciano con sicurezza a massaggiare i miei seni, mentre il suo movimento di bacino alterna momenti di forza con attimi di respiro, per poi tornare a spingere con forza. Io impazzisco di piacere. Le sue labbra passeggiano tra le mie, a volte sbordando verso il collo, le guance e riprendere le mie labbra. Le mie braccia lo stringono a me, con forza. Le mie dita, i miei polpastrelli misurano ogni centimetro delle sue spalle, si spingono sui pettorali per poi tornare a stringerlo. E' una forza della natura, mi sbatte, mi spinge con forza, mi fa godere fino a venire. Non è durato tanto ma l'intensità e la passione mi hanno fatto impazzire. Si riveste, torna al suo lavoro, io resto li, sdraiata sul letto, nuda, appagata. Mi sento troia, tanto troia, mi è piaciuto un sacco......