Il Picnic

Aprile, è un sabato mattina, una di quelle giornate di primavera esemplari. Mi alzo con una voglia di vita incredibile. "Amore? E' una giornata splendida ci facciamo un bel picnic nel parco oggi?". "Certo cara, approfittiamo di questo sole" Ci prepariamo, vado in bagno, cosa mi metto?, intanto lui passa rapido, un jeans, una camicia ed è subito pronto. Dai ho deciso, frizzante come il sabato. Un paio di scarpe da ginnastica con fantasmini annessi, una gonna larga sopra il ginocchio, sai di quelle che si aprono con i bottoni a clips, perizoma obbligato, un bel reggiseno per tenere belle in piedi le mie tette, ed una magliettina a maniche corte. Però all'ombra si sente ancora il clima fresco dell'inverno appena passato quindi la giacca meglio portarla. Chiudo con un paio di occhiali da sole ed un cappellino. Sembro una giocatrice di tennis professionista.... Prepariamo cosa portarci per il picnic. Dei tramezzini vanno bene, un po' di frutta di stagione, olive, snack e decisamente qualcosa da bere fresca. Sono le 10.30 andiamo dai. Due minuti di macchina e siamo al parco. "Amore non troppo nella confusione, cerchiamo un posto più tranquillo senza troppa gente intorno" Facciamo due passi.... "Ecco qui può andar bene" Un bel prato verde tutto per noi, un paio di alberi ed una panchina occupata da una coppia intenta a leggere. Stendiamo la tovaglia e due asciugamani sotto l'ombra di un albero. 

Io mi metto dal lato del sole, voglio godermi tutto il caldo della giornata, di fronte a quella coppia sulla panchina. Che strani che sono, non si parlano quasi mai, lei, giovane, con gli occhiali sotto il naso tutta intenta a leggere chissà cosa, Sigmund .... poi non riesco a leggere, ma sicuramente sarà noioso. Lui con il quotidiano sempre sulla stessa pagina e con il suo sguardo spesso fuori dal giornale a guardarsi intorno. "Giochiamo un po'?" Prendo il pallone, Il mio amore si alza e facciamo due palleggi a pallavolo. La mia gonna svolazza, le mie gambe si scoprono, i miei glutei anche, 

lei alza lo sguardo verso di noi, lui alza lo sguardo verso di me, lei guarda lui , lui riprende a leggere il giornale....... Mmmm mi piace la situazione, accenno dei saltelli, la gonna ancor più inutile, il mio seno, nonostante il reggiseno balla quasi liberamente, lui dietro il giornale non riesce a non guardarmi. Improvvisamente molla quel quotidiano sulla panchina, si alza, balbetta due parole alla compagna e si allontana. Mi è sembrato avesse detto che voleva comprare le sigarette o qualcosa di simile. Sono stanca, mi invento un dolore alla schiena e ci riposiamo un po'. Ci sediamo li per terra. E' l'ora di gustarsi qualcosa, zainetto aperto e via di tramezzini. Ma cosa c'è li dietro? Dietro l'albero......... Nooooo, daaaaaaaii, altro che sigarette,

 voleva gustarsi lo spettacolo senza le occhiatacce della compagna o chicchessia. Allora vuoi la guerra? E guerra sia. Comincio a muovere le mie gambe di fronte a lui nascosto, neanche troppo, dietro l'albero. Le apro, le chiudo, le riapro...... "Amore? quel dolore alla schiena... mi fai due massaggi?" Mi sdraio pancia a terra, il mio amore si siede sui miei glutei e comincia a lavorare di mano sulle mie spalle. "Sssssiiii ddddai così". Il collo, poi le spalle, le braccia, la schiena, finchè sento il mio reggiseno allentarsi.... "E nooooo dai uffa" Il tuo solito scherzo stupido. "Ok l'hai voluto tu" Lo smuovo dal mio culo, mi giro e con un movimento che solo noi donne sappiamo fare mi tolgo i reggiseno senza togliermi la maglietta, e lo sbandiero come si faceva in una vecchia pubblicità. Lo metto nella borsa mi sdraio pancia in alto: "Amore? Ora puoi massaggiarmi meglio davanti non ti pare?" Tutta la felicità della mia dolce metà che senza indugi parte subito dai mei seni. Nascosta dai miei occhiali da sole osservo quello che accade dietro l'albero. A quanto pare lo spettacolo ha dato il suo effetto, mentre sulla panca lei non l'ho ancora vista girar pagina, magari non avrà ben capito qualcosa in quel capitolo. Il mio amore continua con i suoi massaggi armoniosi girovagando per tutto il mio corpo. Sempre seduto sul mio bacino avverto un certo movimento li sotto. Lui raggiunge i miei fianchi e comincia a farmi il solletico. Io sono sensibili non resisto. Mi smuovo, cerco di farlo smettere lo sposto di peso, lui mi avvolge, mi abbraccia. Ridendo entrambi ci rotoliamo sul prato, la mia gonna non copre nulla.

 I loro sguardi sono fissi verso quei corpi caldi che rotolano sul prato. "Cara? Andiamo a casa? Mi è venuta una voglia" Ci alziamo, di fretta richiudiamo tutto, ci allontaniamo, due minuti e siamo a casa salgo le scale per la camera da letto, lui dietro di me con un gesto mi sbottona tutta la gonna e me la sfila, io mi tolgo la maglietta per fargli vedere il mio seno ballare lungo le scale, apro la porta e mi lancio quasi completamente nuda sul letto. Lui fermo sul ciglio della porta mi osserva, si sbottona lentamente la camicia. Che spettacolo i suoi addominali, le scarpe, le calze i jeans, gli slip....., mentre io tolgo quell'ultimo indumento lasciatomi che copriva solo lo stretto necessario lasciando i glutei alla vista di tutti. Si sdraia su di me, facciamo l'amore..... Sfiniti dopo aver goduto ci rilassiamo un po'. Poggio la mia testa sul suo petto. Lui mi abbraccia. Dopo qualche attimo di silenzio lui mi dice: "Certo che l'hai fatto impazzire quel poveraccio oggi al parco" Io sorrido, "Allora hai visto tutto? Lo immaginavo, lo sai come sono fatta, se qualcuno mi provoca io rispondo. Chissà cosa staranno facendo ora. Magari stanno facendo l'amore pensando a noi". "Ne sono sicuro cara". Ci guardiamo, ci abbracciamo, ci baciamo, ricominciamo........