La visita di controllo

Era da un po' che volevo venire, star bene con il proprio corpo è importante così mi son decisa. Ed eccomi qui, in attesa di un bel controllo, tra l'altro mi han detto che il medico è un gran bell'uomo, almeno mi rifaccio gli occhi anche io visto che probabilmente lui se li farà su di me. "Buon giorno Dottore" "Buon giorno, mi dica". "Senta non ho fatto mai un controllo al seno e credo sia giunta l'ora di farlo". Caspita però effettivamente non è niente male, ha la sua età ma si mantiene proprio bene... "Mi dica signora ha avvertito qualche problema particolare? sentito qualche nodulo?" "No Dottore, è giusto per me per sentirmi tranquilla" Prego signora venga sul lettino e si tolga la camicia". Mi tolgo giacca camicia e, seduta sul lettino, lentamente anche il reggiseno, che comunque, già lasciava intravedere cosa c'era sotto. Lui si infila i guanti e comincia ad ispezionare i miei seni, piuttosto lentamente, sembra preciso nel suo controllare, poi passa sotto le ascelle, si sofferma un po' e quando sembra che ha finito torna sul mio seno destro. 

Questa volta è un pò diverso il suo tocco, quasi un palpeggio, si diverte un po' con il capezzolo poi si ferma, toglie i guanti; "Ok Signora può rivestirsi". Mi alzo, rimetto il tutto, e torno alla scrivania. "Bene Signora, sembra tutto bene anche se ho un leggero dubbio e vorrei togliermelo". "Che dubbio Dottore? C'è qualcosa?" "Ma no non deve assolutamente preoccuparsi, va tutto bene, mi piacerebbe solo che la visitasse un mio collega cubano il migliore al mondo nel settore. Lui è qui da me per qualche giorno e vorrei che la visitasse visto che i suoi seni sono a parer mio perfetti. Ovviamente senza pagare la visita". Caspita cosa credevo, a momenti mi veniva un colpo, quanti complimenti però, ma si dai cosa mi costa, anzi non mi farà pagare la visita, poi esibizionista come sono se un dottore mi dice che ho delle tette perfette sarebbe il minimo che possa fare. "Va bene Dottore mi dica quando devo venire" "Se per lei va bene ci vediamo stasera a fine orario visite, direi per le 21.00" "Perfetto ci vediamo stasera". Torno a casa più soddisfatta del solito, sto bene e per di più ho un seno perfetto, beh se lo dice uno che di seni ne vede tantissimi ogni giorno qualcosa vorrà dire. Ed intanto mangio qualcosina, comincio a pensare a cosa mettermi per la serata. Ho notato che il mio intimo ha destato qualche piacevole sguardo, non sono passata inosservata al bel Dottore, anche perché un seno perfetto.... Vabbè dai basta con l'autostima poi conoscerò il miglior senologo che ci sia, per lo più cubano, speriamo sia alla pari del Dottore o magari meglio, poi mi ritrovo un vecchietto eheh. Dai bella ed elegante voglio essere, mi sento troppo eccitata, tutti questi complimenti mi ci volevano proprio. Niente calze, una bella gonna poco sopra il ginocchio, chissà che non mi dica che ho anche le più belle gambe del mondo... del mio lato B poi non ho dubbi che è perfetto, insomma sono una gran figa eh. Tacco quello ci vuole poi sopra leggera visto che sarò con due maschioni, speriamo... Reggiseno di pizzo trasparente, camicia leggera ed un giacca che fa pandan con la gonna. Eccomi qualche minuto di ritardo, però dai ci stà, c'è ancora una visita nello studio, ne approfitto per aggiustare qualcosina al mio volto. Ecco esce l'ultimo cliente, "Buona sera Signora, grazie ancora per essere tornata, venga le presento il Dottor Andy Romero". 

Ma p... la miseria che gran pezzo di... uomo, alto, carnagione scura, spalle larghe e direi un bel sedere, per non parlare dei pettorali. "Ppiacere Dottor Romero sono Veronika". "Piacere mio Signora Veronika, allora il mio collega mi diceva di lei ed a quanto pare non si sbagliava" "In che senso scusi?", "Ma no non si preoccupi anzi, erano solo tanti complimenti. Ora vorrei visitarla, il Dottore mi diceva che aveva avuto qualche perplessità. Vada sul lettino e si spogli". La strada oramai la conosco, Il mio tacco mi aiuta anche a far notare il mio punto di forza, il lato B. Mi avvicino al lettino e noto sguardi piuttosto intensi che mi scortano. Mi tolgo giacca e camicia, loro non mi guardano continuano a parlottare, via anche il reggiseno e rieccomi seduta sul lettino con due bei fusti pronti a mettere le loro mani su di me, equivoca la cosa, ma direi che non mi dispiacerebbe. Arriva il Dottor Romero, si avvicina e comincia a visitarmi. Stranamente non mette i guanti, la sua mano nuda la sento bene. La sua ispezione effettivamente è molto più precisa, mi controlla bene tastando millimetro per millimetro il mio seno, poi passa al capezzolo. Mi sto un po' eccitando, la sua mano copre bene il mio seno e sembra non mollarlo. Ma che fa? Poggia l'altra mano sul seno libero e non mi sembra più che li stia controllando. 

"Dottore ma che fa?" "Mi scusi signora Veronika ma la sua pelle vellutata, i suoi seni perfetti, i capezzoli enormi, non riesco a restare indifferente". Sono eccitata e pietrificata, non riesco a reagire, mi piace quel suo movimento, mi sto bagnando. Lentamente scivolo sdraiandomi sul lettino mentre il dottore cubano non molla i miei seni. Giro la testa verso il lato e mi ritrovo di fronte la sua patta, sembra avere qualcosa di grosso li dentro che non vede l'ora di uscire. Mi godo il momento, la sua zip che si muove, quasi vuole aprirsi da sola, intanto arriva il collega italiano. Lo sento avvicinarsi alle mie gambe, me le sfiora, infila le sue mani sotto la gonna, la alza, io lo aiuto alzando leggermente i glutei e facendomi sfilare gli slip. Mi apre le cosce e si infila con la testa cominciando a leccarmi il clitoride. Wow sono in paradiso, il cubano molla per un attimo un mio seno mi prende la mano e me la porta sulla patta e poi riprende a tastare i mei seni. Io dopo un timido palpeggio passo diretta al punto. Sono troppo curiosa di vedere cosa nasconde il fusto cubano, ed in effetti non mi ero sbagliata, la mia mano si insinua tra gli slip e tira fuori un pene splendido, tutto da assaporare e preparare. Dopo un bel gioco di mano le mie labbra, la mia lingua cominciano a darci sotto, coprendo il glande per bene, girandogli intorno fino a farlo diventare di pietra. A stento riesco a stare concentrata visto il gran lavoro del dottore li sotto. Sono completamente bagnata ed in bocca ho una pietra, ed ecco finalmente lo scambio; Romero si sposta e si avvicina alle mie gambe, me le sposta fino alla punta del lettino che, guarda il caso, arriva dritto al suo meraviglioso pene. Mi alza le gambe, le allarga e mi penetra profondamente. 

Meraviglioso, lo sento tutto dentro, entrare, uscire e poi rientrare e tornare in paradiso. Nel contempo il furbetto italiano si diverte a leccare i miei capezzoli, mentre io, con le mie mani, lo aiuto a tenersi sveglio. Eccolo anche lui desideroso delle mie labbra avvicina il suo pezzo niente male e cerca un varco per infilarcelo, lo accontento apro la bocca e provo ad ingoiarmelo giù fino in fondo. Mi piace, mi da una sensazione di potere, vedo due Dottori sotto il mio controllo, che mi stanno facendo impazzire, ed io sto facendo impazzire loro. Eccolo, il cubano a quanto pare non regge, vedo che non resiste più, lo tira fuori sporcandomi tutta del suo seme, il suo collega lo segue, solo che lui non toglie il suo pene dalla mia bocca riempiendola del suo piacere. Io resto li ancora tremolante godendo del momento. Si rivestono, gentilmente l'Italiano mi porge qualche salviettina, mi ricompongo anche io, mi rivesto, torniamo alla scrivania. Un attimo di velato ed imbarazzante silenzio: "Devo dire che a Cuba ho visto delle donne bellissime con fisici splendidi, ma voi qui in Italia avete una marcia in più grazie a delle creature, come lei Veronika, meravigliose". "Grazie a voi Dottori la visita piuttosto accurata". "Venga ogni volta che vuole, questo studio per lei è a sua disposizione". Li saluto, torno a casa contenta, non mi aspettavo proprio una giornata simile e devo dire che meglio non poteva andare.