Lo spumante (parte 2)

Mentre cammino lungo il corridoio del centro commerciale ripenso a quei minuti: interminabili, sentiti, goduti, vissuti. Sento ancora la sua lingua girovagare il mio clitoride, sento ancora il suo profumo sulla mia pelle, chiudo un attimo gli occhi. Un soffio di vento, li riapro, c'è un fusto in giacca e cravatta davanti a me, mi ferma.

Chiede a me e mio marito di seguirci. Stupiti cerchiamo spiegazioni, resta vago dice che abbiamo messo qualcosa in borsa ed alcune telecamere hanno registrato tutto. Certi di non aver commesso nessun furto lo seguiamo. Se ne avvicina un altro che ci scorta, non è una bella situazione, entriamo in una stanza stile sala d'aspetto. Chiedono al mio Claudio di aspettare qui e mi scortano in un'altra stanza. Entro, c'è un terzo uomo, caspita tutti palestrati, ma li fanno con lo stampino? Mi chiedono di poggiare la mia borsa sul tavolo antistante. Mi fanno mettere in piedi di fronte ad alcuni monitor, uno dei tre pasticcia tra i bottoni sotto i monitor mentre gli altri due dicono che devono controllare prima la mia borsa per poi perquisirmi. 

Ho un po' di paura anche se so di non aver preso nulla. Ecco che uno dei monitor inquadra me nel reparto vini qualche ora fa. Cavolo questi hanno visto tutto, la telecamera riprende Enrico che infila la mano sotto la gonna, poi io che scappo via ed infine si sofferma nel camerino, li dove sono entrata io, li dove è entrato Enrico..... Continuo a guardare lo schermo, la mia mente torna a qualche momento fa, alle emozioni vissute, la mia vagina comincia a bagnarsi, la paura cambia, si mescola ad eccitazione. 

Intanto uno dei due chiede di allargare le braccia e le gambe, comincia la perquisizione. Sento le mani dei due palestrati toccarmi: uno davanti ed uno dietro di me. Prima le braccia poi le spalle, uno dei due scende lungo i fianchi, io continuo a guardare il video, non è più la mia mente a rivivere quei momenti di passione nel camerino, ora anche gli occhi stanno rivivendo quegl'interminabili, meravigliosi minuti. Mi sto guardando, mentre vengo scopata e mi sto eccitando tantissimo. 

Quelle mani sul mio corpo fermo li in piedi soggetto a perquisizione, mi aiutano nel piacere, scivolano lungo il mio corpo si infilano nei miei vestiti, nell'intimo già sofferto della precedente passione. Resto immobile, il mio reggiseno sono due mani che mi stringono il seno, il mio slip, di carne, una mano che copre la mia vagina ed ogni tanti ci infila due dita dentro. Il terzo palestrato molla i bottoni li sotto si gira, si avvicina, io continuo a guardare il monitor e rivivo quella passione. "Signora sappiamo che non ha preso nulla ma volevamo mostrarle questo video per dirle che queste cose non si fanno qui". Quella frase non convinceva neanche lui, sapeva benissimo che era solo una scusa per portarmi da loro. Torna al suo tavolo, si siede e si gode lo spettacolo. Gli altri due continuano nella loro opera, mi spogliano lentamente, ad ogni passaggio delle loro mani c'è un indumento che va via, resto vestita di sola pelle, quella delle loro mani. Io continuo a fissare il monitor finchè uno dei due tira fuori il suo pene.... Ma chi dice che i palestrati ce l'hanno piccolo....., giro lo sguardo, lui si riavvicina prende la mia mano e me la poggia sul suo manganello. E' durissimo, mi mette la mano dietro la nuca indicandomi di chinarmi, lo faccio, comincio a giocarci con la mia lingua fino ad infilarmelo in bocca. Nel frattempo anche l'altro si spoglia e si avvicina. Sono piegata in avanti con due cazzi tra le mani e, prima uno poi l'altro me li infilo in bocca. So di essere brava, so giocare con il cazzo, la mia bocca sa stringerlo quando deve, la mia lingua sa dove leccare. I due chiudono gli occhi e si godono quel lavoro da vera artista. Lo spettatore li seduto non resiste, via i pantaloni, gli slip, si avvicina, è dietro di me, praticamente un invito a nozze. Me lo infila nella vagina con una facilità disarmante. Sono tutta eccitata sento quel bastone li dietro spingere, vorrei urlare ma ho la bocca occupata, dei gemiti involontari escono naturalmente ed a quanto pare fanno un certo effetto. Il primo non resiste e mi viene in bocca, io continuo a leccare poi prendo tra le labbra l'altro che non resiste molto a quella scena e viene anche lui sul mio viso. Sento il manganello dentro di me indurirsi sempre di più, il suo padrone spingere sempre più forte fino a raggiungere anche lui l'orgasmo. Ho le gambe che non mi reggono, crollo sulle ginocchia, sudata, sfinita, soddisfatta. I tre si rivestono velocemente, io con molta più calma. Mi passano delle salviettine, mi pulisco, riprendo le forze, la mia borsa, rimetto tutto all'interno ed aspetto che mi accompagnano all'uscita. Escono prima i due bodyguard, poi fanno uscire me, mi segue il loro capo, sul ciglio della porta si ferma, mio marito intanto si avvicina, ci porge le sue scuse: "Mi scuso a nome mio e di tutto il centro commerciale, c'è stato uno scambio di persona, per farci perdonare l'azienda le offre la spesa odierna e quella di tutta la prossima settimana. Buon proseguimento di giornata e scusate ancora". Riprendiamo il corridoio, questa volta non chiudo gli occhi, voglio tornare a casa e godermi con mio marito quella bottiglia di spumante.