Una cucina da montare

E' finalmente arrivata. Cavolo erano più di venti giorni che l'aspettavo. E' mattina presto, squilla il citofono: "Siamo gli operai del mobilificio, ci apre abbiamo portato la nuova cucina e dobbiamo montarla". Caspita non me l'aspettavo, sono sola in casa e con poche robe addosso. Ok mi metto un qualcosa e li faccio entrare, non vorrei che se la riportano indietro dopo tutto questo tempo. Arrivano, sono in due. Caspita che bicipiti, quel moretto poi..... mmm..... ok dai concentriamoci sulla cucina. Primi mobili in casa, poi altri, ed altri ancora, su e giù per le scale. Fa caldo, il sudore si fa notare, tutti quei muscoli a lavoro che brillano di sudore non passano inosservati. Io con una maglietta bianca leggera ed una culottes, il tutto coperto da un accappatoio per rendermi presentabile senza passare per chissà cosa. Si comincia, primi mobili al loro posto poi altri, lentamente la cucina sta prendendo forma.

 "Volete qualcosa da bere?" "Magari! fa caldo una birra ci vorrebbe proprio". Li vedo bere, caspita come sono eccitanti, con quella canotta aderente e striminzita che fa notare tutto quello che si può notare. Vederli un attimo in pausa stendersi e tirarsi quegli addominali mi surriscalda un po' troppo. "ragazzi fa veramente caldo oggi" e mentre bevo anche io alla bottiglia mi lascio cadere un po' di birra che si infila sotto l'accappatoio. "Che sbadata" Apro un po' l'accappatoio, si notano le curve e quella birra che ha reso semi trasparente una parte della maglietta giusto al centro dei miei seni. Li vedo li che provano a fingere indifferenza ma con gli sguardi che non mollano quella trasparenza. Vado a togliermi l'accappatoio e m'infilo una gonna un po' sbarazzina giusto per stare in casa. Torno in cucina, mi guardano, certo stare con due fusti così solo con una magliettina ed una gonna larga e leggera non lascia indifferenti. Il moretto s'infila un attimo la mano in tasca dandomi le spalle, chissà cosa si sarà smosso la sotto. L'altro, il furbetto, s'infila sotto il lavandino e comincia a lavorare montando e smontando tubi. E mentre tiene impegnato il moretto verso un'altra parte della cucina mi chiama. "Può provare ad aprire il rubinetto quando glie lo chiedo?" Non vedevo l'ora, mi avvicino, sono praticamente sopra di lui al suo lato destro e di lato al lavandino. Lui alza lo sguardo, da li sotto il panorama è quello che ogni uomo desidera vedere. Mi accorgo che i suoi pantaloni lungo la zip sono diventati piuttosto stretti. Mi piace la cosa, mi eccita. Vorrei tanto toccare con mano quei pantaloni per sentire quanto l'ho eccitato. Ora lo faccio morire. Apro le gambe e mi metto su di lui con la scusa di stare meglio di fronte al lavandino. Lui resta interdetto qualche secondo poi riprende a lavorare li sotto il lavandino. "Per favore puoi provare ad aprire e chiudere il rubinetto" Niente apro e chiudo ma niente non esce nulla, mi sa che non sia tanto bravo come tubista. All'improvviso uno spruzzo d'acqua ci bagna tutti.

 A terra è tutto inzuppato, lui si rialza tutto bagnato, mi guarda, non riesce a scollare gli occhi da quella visione.

 Ho la maglietta completamente fradicia e del tutto trasparente. Quei capezzoli turgidi e bagnati sono calamite per gli occhi. "Oh Signora mi scusi non volevo" afferra dei tovaglioli provando ad asciugare ma col chiaro intento di potermi finalmente toccare. Io prendo al volo la situazione e provo ad asciugarlo anche io partendo da quegli addominali, gli alzo la maglia toccandogli il ventre mentre lui prosegue il suo gioco con il mio seno. Le mie mani scendo lentamente giù ai pantaloni e comincio a strofinare la zip. Lo sento, è durissimo, vorrebbe tanto uscire fuori da quei pantaloni. Continuo a strofinare li ma il movimento si fa più lento, più indirizzato verso un punto preciso. Anche le sue mani rallentano, le dita cominciano a girare intorno al capezzolo, le mani mi stringono i seni, scendono mi sollevano la maglia, me la tolgono. Io torno sulla zip, la apro ci infilo la mano che in attimo si infila nei boxer. Mmmm quanto è duro. Lo stringo in mano, mentre lui si gode quei seni bagnati. Sembra anche bello grosso, gli sbottono quell'unico bottone che è rimasto fra me e la visione di quel suo affare. Giù i pantaloni, stessa fine i boxer, le mie mani si concentrano li nel mezzo, le sue, dopo aver massaggiato per bene i seni, scendono giù per i fianchi si attaccano alla gonna che scivola lentamente giù in coabitazione con i culottes. Si aggrappa al mio culo, mi stringe a se, io gli sento il suo membro sul mio ventre. Mi abbraccia, mi stringe, mi bacia. Prima in bocca, sul collo, ancora sui capezzoli, torna su e con decisione afferrala mia testa e la fa scendere lungo il suo corpo. Io sto al movimento baciando tutto quello che incontro passando per i suoi seni, per poi toccare con le labbra i suoi addominali duri e forti, fino a raggiungere la destinazione. Mi infilo in bocca il suo cazzo duro e grosso. Resto li protesa a 90 gradi a succhiare il suo giocattolo, completamente nuda con i miei seni verso il basso ed il mio culo pronto ad ogni cosa. Mentre sto giocando con il suo membro e guardo lui con gli occhi chiusi a godersi il bel lavoro di bocca e lingua sento dei passi avvicinarsi. Caspita il moretto, avevo dimenticato che c'era anche lui. Dopo qualche secondo di silenzio sento le sue mani che mi sfiorano i glutei, mi palpano, vanno lungo i fianchi, afferrano i seni, li stringono e con il suo ventre mi spinge il culo. Le sue mani tornano sui miei glutei poi mi afferrano le gambe, me le allargano, e sento una lingua colpire il mio clitoride e cominciare a rotearci intoro. E' tutto un lago, quella lingua ci sa fare, la mia anche, quel cazzo duro in bocca ora è pronto ad assaggiarmi. Mi rialzo mi giro, il moretto è ancora vestito. Mi rimetto a 90 tiro giù quei pantaloni per far fuoriuscire un enorme cazzo nero già bello pronto per la mia bocca. Prima di infilarmelo giro lo sguardo verso l'altro mostrandogli con un occhiata le mie gambe aperte e pronte per lui. Mi infilo in bocca quell'enorme coso scuro ed all'unisono mi sento penetrata. Mmmmmm sono in paradiso. Mi sbattono mi girano, mi fanno godere come una porca. Vengo chiusa a sandwich tutta piena. Si rialzano e si mettono di fronte a me, che sono in ginocchio con due membri che chiedono ancora le mie labbra. Me li ingoio fino a farli venire. Fantastico, ho goduto come una troia. Mi rialzo, e vado a farmi una doccia, loro si ricompongono e riprendono soddisfatti il loro lavoro. La mattinata si chiude, la cucina è pronta. Il tutto è stato montato come meglio non si poteva. Rimarrà una giornata speciale..