Una Prof. esemplare

Oggi ho lezione, devo andare alla serale. Che classe? Ha quella di quei 6 ragazzoni un po' troppo turbolenti, tre ore con loro. Certo gli ormoni.... Però che fusti, tutti con un fisico perfetto, vabbhè sarò tosta come al solito, non hanno ancora capito che comando io. Vediamo se faccio colpo con questo tailleur, una camicia ed un tacco non esagerato. I miei occhiali in borsa ed eccomi pronta ad affrontare 6 trentenni in vena di diploma. Arrivo a scuola, entro in classe, chiacchierano tra di loro. Alla mia vista il primo a girarsi mi squadra dalla testa ai piedi. Gli altri lo guardano e si girano verso di me ammutoliti, occhi da pesce lesso fissi sul mio corpo, il tailleur ha fatto colpo. "Buona sera! Che non avete mai visto una professoressa?". "Sera, sera, sera.....". Mi siedo, li faccio sedere, sono silenziosi, mi guardano, caspita non so com'è ma stasera li vedo ancora più affascinanti, poi c'è il furbetto li con quelle spalle.... "Ragazzi stasera prima sentiamo qualcuno poi facciamo una verifica". Mormorio generale, ovviamente non ha studiato nessuno. "Dai voi due li in fondo vediamo a che punto siete". 

I due si alzano, sorridono e si avvicinano alla lavagna. Sbruffoni.... Ora mi diverto.... Mi giro con la sedia verso di loro "Allora chi dei due conosce il teorema di Pitagora?" I loro sguardi fissi verso le mie gambe accavallate.... "Ehm credo parlasse di un triangolo costruito non so dove...." Cambio gamba..... "L'ipotenusa centra qualcosa? Che poi cos'è l'ipotenusa?" Sento i loro occhi entrare nella mia gonna e raggiungere collant e slip per provare a spostarmeli. "Mamma mia ragazzi siamo messi proprio male". Mi alzo mi tolgo la giacca, le mie tette esplosive vogliono uscire dalla camicia, mi risiedo e noto i due ragazzi con i pantaloni stretti, anche loro hanno qualcosa che tra un po' esplode tra le gambe. "Forza dai andate a posto e facciamo questa verifica. Quantomeno vediamo a che punto siete". Il furbetto li davanti che non ha mai mollato il mio corpo continua la sua radiografia. Prendo le fotocopie per la verifica e passo tra i banchi. Lascio una copia ad ognuno, quando arrivo al suo banco, il furbetto fa cadere la sua matita. D'istinto mi piego per prenderla. Lui furtivamente mette la sua mano sul mio culo tirato. 

Mi fermo un attimo, sento quella mano, mi rialzo e torno alla cattedra. Forse dovevo riprenderlo, dai proseguiamo. "Ragazzi avete un ora e mezza di tempo per rispondere a quelle domande, poi le vediamo tutti insieme". Cominciano a scrivere.... Guardo quel furbetto che continua a vedere le mie gambe, il mio seno. Ripenso al suo gesto, forse era meglio se in quel momento l'avessi ripreso ma oramai è andata. Il problema e che mi è piaciuto..... Dieci minuti, quindici, mi stendo un po', mi sento contratta, qualcuno se ne accorge..... In tre si alzano "Scusate Proff. Non abbiamo capito una cosa. Si avvicinano. In due si mettono ai miei lati con i loro fogli della verifica per chiedermi delucidazioni, il furbetto alle mie spalle mi guarda. Mentre spiego l'argomento da dietro sento delle mani sulle mie spalle. "Proff. Siete un po' tesa, mentre spiegate due massaggi faranno bene". "Ok furbetto però ascolta quello che sto spiegando". Brutto errore avrei dovuto fermarlo, il problema e che mi piaceva come massaggiava e l'ho fatto continuare. Proseguo nelle mie spiegazione ma le sue mani cominciano a lavorare piuttosto bene. Prima le spalle, poi la schiena, per passare fra i capelli sotto la nuca. Un infinità di brividi mi passano lungo tutto il corpo, mi piace tantissimo, non resisto, comincio a balbettare ma lo lascio continuare.... Mi piace troppo. Chiudo gli occhi (altro errore) uno dei due al mio fianco si accorge che sto mollando, prende coraggio e comincia a sfiorarmi il braccio. Sale, sale, scende, mi accarezza. Io resto ad occhi chiusi e mi sfugge un gemito se pur sottovoce. Anche dall'altro lato le mani cominciano ad accarezzarmi. Non ce la faccio, mi sto perdendo tra i sensi. Sento le mani finalmente mollarmi il collo, ma ancora peggio scivolano davanti sbottonandomi i primi due bottoni della camicia e si infilano dentro scomparendo nel reggiseno. I due mi sbottonano prima i polsini, poi completano il lavoro con il resto dei bottoni della camicia. Ho un gesto di risveglio e provo a fermarli. "Ragazzi siete pazzi? Ma che fate?" Sempre il furbetto mi alza la testa e da dietro metta la sua testa sulla mia, mi guarda negli occhi sussurrandomi: "Prof.... Ora tocca a noi insegnarle qualcosa...". Chiude gli occhi e mi infila la sua lingua fra le mie labbra. Vorrei tanto dirvi che ho resistito ma vi mentirei. Ho preso quella lingua in bocca ed ho ricambiato molto volentieri. Anche gli altri tre dopo essersi goduto lo spettacolo si alzano, spostano la cattedra, lasciandomi seduta e circondata su tutti i fronti. La mia camicia è già volata chissà dove. Sento qualcuno sbottonare il mio reggiseno ed anche quello fa compagnia alla camicia. Uno s'inginocchia davanti a me, prova ad alzarmi la gonna, ma io sono seduta e non ci riesce, così di peso mi sollevano ed in pochi secondi volano via gonna, calze e mutandine. Mi fanno nuovamente sedere, un cumulo di mani continuano a toccare i miei seni. Uno mi allarga le gambe, me le alza e ci si infila con la testa nel mezzo. Sento la lingua giocare con il clitoride, sono tutta bagnata, non riesco ancora ad aprire gli occhi. Sono completamente sotto il loro controllo ma allo stesso tempo loro si stanno dedicando completamente a me e mi stanno facendo impazzire. Prendo coraggio, apro gli occhi e vedo due avvicinare la cattedra, svuotandola completamente. Mi riprendono di peso e mi sdraiano sulla cattedra. Comincio a vedere qualcuno che si avvicina, nudo, con il suo cazzo in tiro, me lo avvicina alla faccia e con la mano avvicina la mia testa verso il suo membro in tiro. Me lo infilo in bocca e comincio a leccarlo. Mi sento sollevare le gambe, ma la testa non c'è più. Un bacino entra fra le mie gambe, poi un bel cazzo si infila nella fica e comincia il suo movimento. Mi sta scopando, ho un cazzo in bocca e tante mani che mi toccano. Uno mi prende la mano e, avvicinandosi col suo cazzo alla mia faccia, mette la mia mano sul suo membro. Io, mentre sento con immenso piacere il cazzo nella mia fica, passo la mia bocca fra una cazzo e l'altro. Non ce la fa più, lui smette il movimento e viene sulla mia pancia. Finalmente respiro un attimo, mi fanno alzare, poggio le mani sulla cattedra e da dietro uno mi piega, mi allarga le gambe e me lo infila. Ed anche per lui, dopo qualche spinta sul mio culo viene. Eccolo il furbetto, si sdraia giù in terra, mi chiama.... Ho capito, mi avvicino a lui e mi siedo sul suo cazzo e comincio a fare su e giù. Con la mia testa ad altezza cazzo gli altri tre si mettono in semicerchio con i loro cosi duri cercano la mia bocca che un po' alla volta accontenta tutti e tre. Uno non ce la fa più e mi viene in gola, i restanti alla vista di quello spettacolo si eccitano ancor di più così mi sdraiano a terra e mi sburrano in faccia mentre il furbetto continua a sbattermi tenendomi per le gambe. Ed anche lui alla vista del mio viso pieno di sperma aumenta la sua velocità fino ad inondarmi di sperma sui miei seni. Sono multi orgasmica, sono venuta non so quante volte, continuavo a godermi ogni istante. I sei ragazzi sono stanchi, si rivestono, io riesco a raggiungere le mie mutande, le mie calze, la gonna. Mi infilo mutande e gonna, per le calze non ho la forza. Mi siedo, nuda dalla pancia in su. Riprendo lentamente le mie forze, le gambe mi tremano. Suona la campana, i ragazzi vanno via, io mi rivesto, infilo le calze nella borsa, esco dall'aula e molto lentamente vado via. Sono in corridoio e mentre mi incammino verso l'uscita un collega, mi osserva: "Tutto bene Professoressa?" "Certo, mai stata meglio" è proprio il caso di dire......