Una segretaria tuttofare

Che giornata ragazzi! Da questa mattina non un attimo di tregua. Il mio capo è a pezzi. Clienti fin dalle prime ore della giornata, fatture, commissioni, e poi di qua e di la a risolvere problemi. Ci mancava anche il guasto all'impianto di riscaldamento, rappezzato giusto per chiudere la giornata. Sono le 19.30 la giornata è oramai quasi chiusa. Prendo un po' di fiato, sono stanca. Il mio capo è li seduto davanti al suo pc, alza le braccia, si stira la schiena, continua ancora a lavorare al computer. Però che uomo, sempre deciso, convincente, forte, onnipresente, poi ha un fisico...... mi da calore, altro che riscaldamento...... Seduta di fronte a lui al mio posto, noto che di tanto in tanto il suo sguardo cade di fronte a me verso terra... o no.... Mi sa che sta osservando le mie gambe... wow allora non sono trasparente. Vediamo che succede se le muovo un po'. Accavallo, cambio gamba, le allargo un po', sempre con modi eleganti.

 Il suo sguardo si fa più presente, cerca di non guardare ma è più forte di lui..... che faccio? Ne approfitto? Mi alzo, lui riporta gli occhi al pc, mi avvicino e vado dietro di lui. "Che ne dice di un massaggio alla schiena? Siete molto teso". "Magari! Ci vuole proprio"

 Comincio a toccargli quelle spalle larghe e forti, le massaggio, non so se piace più a lui essere massaggiato o a me massaggiare. "Un attimo tolgo la giacca che mi infastidisce" Si alza e con un gesto piuttosto elegante si toglie la giacca. Torna a posto, riprendo il massaggio, ora va meglio senza quell'indumento, si arriva prima alla carne, anzi quasi quasi ne approfitto..... gli sbottono un bottone della camicia, gli allargo il colletto e ci infilo le mani sulla pelle nuda. Lui resta per un attimo allibito, poi chiude gli occhi e riprende a rilassarsi. Il movimento non è molto largo, purtroppo la camicia comunque è stretta e mi impedisce di scivolare lungo le braccia. Lui capisce tutto al volo e si sbottona altri bottoni, io faccio scivolare le mie mani lungo le sue braccia possenti e risalgo dal petto per poi tornare sulle spalle. Da lassù vedo verso il basso il suo volto che copre il petto. Porgo la testa in avanti e noto quegli addominali di pietra e giù i suoi pantaloni che cominciano a stargli stretti. Si allarga ancora un po' la camicia, posso godermi il suo corpo, proseguo nel massaggio. Ad un tratto un piccolo "Tic". "Nooo di nuovo si è spento il riscaldamento" afferma lui. Prendo tutto il coraggio che ho, aiutata dalla voglia pazza di scoparmelo e con la mia mano, prima che lui si alzi, scendo lungo il petto, gli addominali, il bacino, e l'infilo nei pantaloni. Avvicino la mia bocca al suo lobo e gli sussurro: "Non c'è più bisogno del riscaldamento. Ora ci penso io". Lui si blocca, io sento la sua eccitazione. La mia mano tiene stretto il suo cazzo duro. Bella la sensazione di potere nelle mie mani. Glie lo prendo, lo stringo, lo muovo. Lui è nelle mie mani, si sbottona i pantaloni, la cerniera, e lo tiro fuori. E' grosso, è duro, è bello. Sono di fronte a lui, con i miei occhiali scesi fin sotto il mio naso lo guardo negli occhi, lui mi afferra per le braccia, si avvicina, ci alziamo in piedi entrambi e parte un bacio profondo. Un eternità, lui mi stringe forte, io stringo il suo pene, non lo mollo, la mia lingua si intreccia con la sua. Le sue mani scendono al mio culo, lo palpano, lo stringono. Mi prende di peso da sotto i miei glutei,

 mi solleva e mi sdraia sulla sua scrivania, con il volto scende fino al mio bacino, mi alza la gonna, e mi bacia nonostante calze e slip. Le sue mani massaggiano i miei seni poi scivolano giù. Io sono al limite non ce la faccio più. "Scopami, scopami.....". Non se lo fa ripetere tre volte, con le sue forti braccia mi strappa i collant, io avverto un brivido di pazzia ed eccitamento lungo tutto il mio corpo, poi è la volta degli slip che fanno la stessa fine delle calze. Mi alza le gambe allargandole e me lo infila di forza. Mi sbatte sempre più con forza, io sdraiata di fronte a lui urlo di piacere. Le sue mani lasciano le mie gambe, si avvicinano alla camicia ed, in un solo gesto, la aprono di forza. I bottoni volano dappertutto, i miei seni sbordano sempre più dal forte movimento di bacino. Me li massaggia infilandoli sotto il reggiseno fino ad alzarmelo. Ora sono io nelle sue mani. E' forte, è deciso, è uomo. Per un attimo lo sfila dalla mia fica fradicia, mi alza dalla scrivania, mi spoglia completamente, mi gira di spalle. Io mi poggio alla sua scrivania, allargo le gambe, alzo i miei glutei, chino la schiena pronta a sentire tutto il suo essere maschio, dentro di me.

 Lui mi afferra il culo e me lo spinge nella fica. Mi sbatte, mi sbatte, sempre più forte, sempre più in fondo. Porta la sua mano sinistra sul mio seno, stringendomelo ad ogni botta. La sua mano destra mi afferra i capelli con decisione, me li tira. Io godo.... quanto godo..... mi sento femmina, mi sento troia e mi piace tantissimo fino ad urlare di piacere. Lui non resiste, lo tira fuori e viene sul mio culo sudato. E' sfinito. Io a stento mi reggo in piedi, poggiata sulla scrivania, quasi completamente nuda, con solo i miei tacchi e quel che resta dei miei collant. Cerco di rialzarmi, barcollo. Fra silenzio misto ad imbarazzo provo a rivestirmi cercando quel che resta dei miei indumenti. Lui si riveste, sente quel sottile gelo che si è creato e con una sola frase mette tutto a posto: "Avevi ragione, il riscaldamento non serviva più". La serata si chiude come meglio non poteva finire.